Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

8 Comuni tutti da scoprire

Asiago Conco Enego Foza
Gallio Lusiana Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni

Percorsi Mountain Bike MTB

Itinerario MTB Asiago – Scoglio Bianco – Cima Caldiera – Val Galmarara

MOUNTAIN BIKE
la vicina cima del monte ortigara

La cima del vicino monte Ortigara

Itinerario per Mountain Bike (MTB) Asiago – Scoglio Bianco – Cima Caldiera – Val Galmarara 

Questo itinerario è la variante più difficile per raggiungere la cima del Monte Caldiera. E' un itinerario molto impegnativo che, nella parte centrale costringe a smontare dalla bici e a proseguire a piedi per diversi tratti. La fatica è ripagata dagli ambienti selvaggi attraversati, culminati con l'arrivo in cima al Monte Caldiera con un panorama a 360 gradi.

ITINERARIO (MTB): Asiago – Scoglio Bianco – cima Caldiera – val Gamarara
Indicazioni tecniche
Lunghezza: 57 Km
Dislivello: 1890 mt.
Quota Massima: 2096 mt
Difficoltà: difficile
Tempo di percorrenza: 6 ore

DESCRIZIONE DELL'ITINERARIO

Partiti dallo stadio del ghiaccio di Asiago dirigersi verso l'aeroporto e percorrere parte del perimetro dell'avio superficie per poi prendere la strada che porta verso il Monte Zebio.
La strada inizialmente asfaltata diventa sterrata e si sviluppa seguendo l'andamento della vicina Val di Nos.
Andare sempre dritti tralasciando rispettivamente il bivio verso Malga Zebio e il bivio verso Casera Zingarella.

Arrivati ad un incrocio in zona Casera Busette proseguire dritti iniziando una salita molto tecnica dal fondo sconnesso che culminerà nei pressi di un bivio dove si girerà a sinistra.
Dopo un'altra breve ed impegnativa salita, il bosco lascia spazio ad un'ampia spianata dove si aprono i pascoli di montagna di Malga Fiaretta.
In lontananza si può già intravedere verso nord-est la cima del Caldiera meta principale dell'itinerario.

Facendo attenzione a seguire la carrareccia (sentiero segnavia 850), che poi diventa un sentiero frastagliato di sassi e rocce, raggiungere Malga Fiara.
A Malga Fiara seguire le indicazioni per Malga Mandrielle, raggiunta dopo circa 2Km di falso piano e, successivamente verso Malga Fossetta dopo ulteriori 4,5Km.
Dalla malga salire lo sterrato verso la chiesetta di Fossetta situata a qualche centinaio di metri dalla malga.

chiesetta fossetta

La Chiesetta Fossetta

Da qui parte il tratto più impegnativo del percorso fatto di numerosi passaggi a piedi che porteranno dapprima a Porta Incudine e poi verso il bivio posto a 100 metri circa dalla cima del Monte Caldiera.
Attenzione:  questo tratto oltre ad essere ripido e sconnesso in alcuni punti, è lungo circa 4Km, in gran parte percorsi con la bici a mano o in spalla, quindi occorre una certa preparazione fisica e spirito di avventura.

Il sentiero, alla fine, si ricollega alla mulattiera che porta a Cima Caldiera sulla cui sommità è posta una croce metallica con una bandiera italiana.
Anche qui si può ammirare un panorama fantastico con le cime circostanti, in primis quella del vicino Monte Ortigara, con la sua colonna mozzata, luogo simbolo della Prima Guerra Mondiale.
Dalla cima la discesa su mulattiera verso il Piazzale delle Lozze risulta molto semplice rispetto al percorso fatto in precedenza.

Le tappe successive dell'itinerario sono il Rifugio Moline, utile per una breve pausa rifocillante e, successivamente, la zona della Piazza delle Saline.
Raggiunto questo bivio prendere a destra verso il Monte Forno e il Bivio Conrad.
Al Bivio Conrad si apre la visuale verso la Val Galmarara dove inizia una lunga discesa che passa per l'omonima malga e prosegue verso Malga Galmararetta.
Passata quest'ultima malga proseguire per 1,3Km fino ad una biforcazione dove si deve tenere la sinistra tralasciando la via principale.

sentiero impegnativo verso la cima

Sentiero impegnativo verso la cima

Prestare attenzione perché questa biforcazione non è molto visibile e si rischia di saltarla soprattutto perché la discesa invita a lasciare andare la bici.
Alla biforcazione, la strada riprende a salire con brevi tratti impegnativi fino al cimitero del Mosciag.
Passato il cimitero proseguire per la strada principale verso il Forte Interrotto. Qui inizia la discesa verso Asiago, che diventa asfaltata nella seconda parte.

Per non rischiare di scendere verso Camporovere, prestare attenzione ad una svolta a sinistra verso una carrareccia sassosa che porta in contrada San Domenico frazione situata alle porte del centro di Asiago.

In collaborazione con Altopianobike.

MAPPA PERCORSO

FOTO GALLERY DELL'ITINERARIO ASIAGO – SCOGLIO BIANCO – CIMA CALDIERA – VAL GALMARARA