Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

8 Comuni tutti da scoprire

Asiago Conco Enego Foza
Gallio Lusiana Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni
Trova eventi per categoria, per mese o per giorno

Concerto dei SOLISTI VENETI con partecipazione di Salvatore Accardo ad Asiago - 28 luglio 2018

sabato 28/7/2018 alle 21:00
CONCERTI

Solisti venetiUn evento del tutto eccezionale vedrà protagonisti “I Solisti Veneti” diretti da Claudio Scimone e il grande violinista Salvatore Accardo la sera di sabato 28 luglio 2018, alle ore 21:00 nel Duomo di Asiago.

Realizzato in collaborazione con il Comune di Asiago e con l´Ufficio del Turismo del Comune di Asiago, l’eccezionale appuntamento, serata  intitolata “Magia del Violino”, presenterà al pubblico celebri capolavori del Sette ed Ottocento (e una suggestiva pagina contemporanea) qualificandosi come uno dei più importanti e significativi concerti dell’intero “Veneto Festival 2018” (48° Festival Internazionale G. Tartini).

Con la fama che si sono conquistati in ormai più di cinquantacinque anni di attività “I Solisti Veneti” non necessitano certo di lunghe presentazioni, tantomeno Salvatore Accardo, violinista di prima grandezza, uno dei più grandi nomi del violinismo mondiale; ma è certo il caso di sottolineare l’eccezionalità di un’occasione – quella del prossimo 28 luglio - che vedrà questi grandi artisti insieme sul palco, pronti a infondere vitalità e profondità artistica ad un programma ricco e seducente.

La collaborazione tra Accardo e “I Solisti” di Claudio Scimone non nasce oggi ma ha radici profonde, culturali e soprattutto umane, che affondano nell’amicizia che li unisce fin dai primi anni di attività dell’orchestra padovana quando proprio Accardo diede voce – anzi arco! - ai concerti di Giuseppe Tartini (e non solo a quelli…) che Scimone aveva da poco sottratto all’oblio degli archivi. Vi fu giusto il tempo di spolverarli… le prime esecuzioni di tali capolavori, che proprio grazie all’impegno di questi artisti avrebbero raggiunto una popolarità oggi immensa, avvennero direttamente sulle parti originali, senza neppure trascriverle… Entusiasmo giovanile? Certamente, ma anche e soprattutto autentico, profondo, irrefrenabile amore per la grande tradizione musicale italiana.

Un amore che oggi vive la stessa freschezza del primo giorno e che ad Asiago, la sera del 28 luglio, brillerà di luce intramontabile attraverso pagine di grande poesia e di alto virtuosismo a partire dal vivace Concerto in fa maggiore op. 5 n. 2 di Tomaso Albinoni per proseguire con una pagina squisita di Antonio Vivaldi: il Concerto in re maggiore RV 93 per mandolino e archi.
Al centro della serata un brano contemporaneo: il Divertimento per archi di Nicola Campogrande, pagina acrobatica ed efficacissima  di uno dei compositori più noti dell’attuale vita musicale italiana che l’Autore ha scritta nel 2017 su richiesta de “I Solisti Veneti” a cui è dedicata. Nicola Campogrande è balzato rapidamente in prima linea con composizioni originali di grande fantasia e varietà (basta pensare al (Concerto per pubblico e orchestra) tanto da essere l’unico compositore italiano che ha un contratto di esclusiva con l’Universal.
Sarà quindi la magica arcata di Salvatore Accardo a coronare la serata con il celebre Concerto in mi maggiore BWV 1042 di Johann Sebastian Bach – uno dei vertici della letteratura violinistica di ogni tempo – e quindi con uno speciale tocco di brillante e sempre seducente virtuosismo che prevede l´esecuzione di ben due opere per violino e orchestra di Camille Saint-Saëns, compositore francese la cui vita si situa esattamente fra i due secoli, Otto e Novecento , e precisamente la spumeggiante Havanaise (Habanera) op. 83 e i travolgenti Introduzione e Rondò Capriccioso, pagine fra le più avvvicenti e comunicative fra quante al violino sono state dedicate in tanti secoli di storia della musica. 


Programma

  • ALBINONI Concerto in fa maggiore op. 5 n. 2 per archi
  • VIVALDI – Concerto in re maggiore RV 93 per mandolino e archi
  • CAMPOGRANDE – Divertimento per archi (2017 – dedicato a “I Solisti Veneti”)
  • BACH – Concerto in mi maggiore BWV 1042 per violino e archi
  • SAINT-SAËNS – Havanaise (Habanera) op. 83 per violino e orchestra
  • SAINT-SAËNS – Introduzione e Rondò Capriccioso per violino e orchestra

Claudio Scimone e i Solisti Veneti

La diffusione della grande musica presso un pubblico sempre più vasto e la promozione del repertorio musicale presso i giovani sono sempre stati obiettivi prioritari de “I Solisti Veneti” diretti da Claudio Scimone. Il successo di quest’opera è confermato fra l’altro dall’eccezionale esito del primo premio nel “Festivalbar” con 350.000 voti di pubblico giovanile.
“I Solisti Veneti” sono stati i primi in Italia, fin dal 1960 ad eseguire numerose serie di concerti nelle sedi delle scuole con programmi e presentazioni differenziate a seconda dei singoli gradi di istruzione (elementare, secondaria inferiore e superiore, università, scuole musicali).
Per i giovani musicisti hanno tenuto e tengono, su invito delle Accademie o Istituzioni locali, “master class” collettive, nelle quali “I Solisti” suonano anche insieme ad orchestre di giovani e studenti. Così a Caracas (per il “Sistema” di Josè Abreu), nei Paesi Europei, negli USA, in Canada, Cina e numerosi altri Paesi fra cui Armenia Kenya, Oman ecc..
Nel Veneto tengono annualmente anche concerti in cui suonano con i giovanissimi fra i 7 e i 14 anni dell’Orchestra Sinfonica “I Pollicini”.


Veneto Festival

Il “Veneto Festival”, spettacolare evoluzione artistica del Festival Tartiniano, giunge quest’anno alla sua quarantottesima edizione, confermando la propria vocazione all’esaltazione e alla diffusione del ricchissimo patrimonio musicale di tutti i tempi. Per tutta l’estate infatti il Festival presenterà al pubblico un vasto e multiforme calendario di concerti, itinerando nei luoghi artisticamente più interessanti del Veneto e delle regioni limitrofe.

Le numerose manifestazioni del Festival, caratterizzate dall’esecuzione di opere celebri e amate ma anche di pagine musicali bellissime e talvolta meno note, si arricchiranno della presenza di artisti di fama internazionale, come appunto Salvatore Accardo, appositamente invitati ad interpretarle per conferire ampiezza e splendore ad una serie di appuntamenti già di per sé eccezionale e a consolidare la fama di un Festival che, per valore culturale e artistico, sin dalla sua fondazione ha oltrepassato le soglie del Veneto e dell’Italia per conquistarsi la più meritata considerazione fra i più prestigiosi e qualificati Festival Internazionali d’Europa.


BIGLIETTI

La prevendita dei biglietti sarà attivata presso il SIT di Piazza Carli. Per contatti cliccare sui tasti verdi sottostanti.
A Vicenza presso Libreria Traverso (C.so Palladio, 172 – tel. 0444 324389)
A PADOVA presso Ente I Solisti Veneti (Piazzale Pontecorvo, 4/A – tel. 049 666128)

info_outline

Ti interessa questo evento?

Scopri dove dormire e dove mangiare sull’Altopiano di Asiago Sette Comuni