Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

8 Comuni tutti da scoprire

Asiago Conco Enego Foza
Gallio Lusiana Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni
Trova eventi per categoria, per mese o per giorno

MONTE FIOR:II°Battaglia Melette 1917/2017 con GUIDE ALTOPIANO, 11 novembre 2017

sabato 11/11/2017 alle 08:45
ESCURSIONI E PASSEGGIATE
Melette

Escursione guidata nei Luoghi della Grande Guerra con Guide Altopiano di Asiago - "II° Battaglia delle Melette 1917/2017" - Foza

ESCURSIONE STORICA - SPECIALE GRANDE GUERRA NEGLI STESSI LUOGHI 100 ANNI DOPO

Il 29 ottobre 1917 Il Capo di Stato Maggiore dell’ esercito Austroungarico Franz Conrad von Hötzendorf emanava le direttive per un attacco generale sull'Altopiano di Asiago decidendo l'inizio delle operazioni per il 10 novembre.

Già dal 3 novembre 1917, dopo la “Rotta di Caporetto” e a causa del cedimento del tratto settentrionale delle nostre linee sul fiume Tagliamento ed il passaggio di truppe austro-tedesche, il Comando Supremo italiano ordina il ripiegamento sul Piave e sul Grappa. La 4ª armata schierata in Cadore riceve l'ordine di ritirata da prima sulla linea difensiva arretrata, la linea gialla, poi sulla riva destra del Piave, sul monte Grappa e in Val Brenta.

Contemporaneamente, anche le truppe sull'Altopiano di Asiago iniziano la ritirata dalle prime linee. Il collegamento tra le due armate resta stabilito sul ciglione del Sasso Rosso presso Foza e lungo la Val Brenta. Anche a causa dell’ordine di ripiegamento dalla nostra “prima linea” le truppe austriache avanzano velocemente verso la parte centrale dell’Altopiano. Il 9 novembre Asiago cade in mano austriaca, il 10 tocca a Gallio. Velocemente saltano tutti i caposaldi italiani. Ad est si ritorna a combattere sulle linee difese nel 1916 durante la Strafexpedition. Inizia la II° Battaglia delle Melette, ma questa volta la caparbietà italiana non sarà sufficiente a resistere all’incontenibile irruenza austroungarica, alimentata ancor di più dalla recente “vittoria” sull’Isonzo.

PROGRAMMA DELL'ESCURSIONE:

Partenza prevista per le ore 8.45 dal Bar alla Stazione  vicino all'entrata del Piazzale dello Stadio del Ghiaccio di Asiago.

Durata dell'escursione: 4 ore compresa la visita guidata

Difficoltà: MEDIO ( Leggere sotto la descrizione della difficoltà)

Dislivello: 350 m 

Guida: Filippo Menegatti - Accompagnatore di Media Montagna iscritto regolarmte al Collegio della Guide Alpine del Veneto

COSTO DELL'ESCURSIONE: VISITA GUIDATA + ASSICURAZIONE

Adulti: € 15,00

Bambini fino ai 15 anni: € 5,00

Bambini fino ai 6 anni, disabili e portatori di handicap: gratuito

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ENTRO LE 18.00 DEL GIORNO PRIMA:

Telefono: 3407347864 i inviando una mail. Per contattarci clicca i pulsanti sotto.

NO prenotazione tramite SMS non sempre vengono letti!!! 

CHI SIAMO - GUIDE ALTOPIANO

Noi "Guide Altopiano" siamo il primo gruppo di guide professionisti dell'altopiano. Siamo Guide locali che operano sul territorio dell'Altopiano dei Sette Comuni dal 2008.  L'appartenenza al luogo da parte dei componenti del gruppo assicura una conoscenza intima delle mete proposte ed un approccio profondamente rispettoso verso l'ambiente e la sua storia. Le nostre Guide sono dei professionisti della montagna riconosciuti ed iscritti all'albo della Provincia di Vicenza; si propongono di accompagnare comitive di persone in escursioni e visite guidare sul territorio, come previsto dalla L.R. n.33 del 04/11/2002 e secondo le leggi degli albi professionali di cui fan parte.

LETTURA DEL GRADO DI DIFFICOLTA':

FACILE: L'itinerario si svolge su strade forestali, sterrate o facili mulattiere sempre bene indicate e senza problemi di orientamento nei casi di nebbia o cattivo tempo. I dislivelli sono contenuti entro i 250-300 metri e la lunghezza dell'itinerario è compresa nelle tre ore. Si tratta di passeggiate un po' lunghe che richiedono una scarpa sportiva da trekking, non necessariamente la pedula o lo scarpone.

FACILE/MEDIO: L'itinerario si svolge su strade forestali, sterrate o facili mulattiere sempre bene indicate. I dislivelli sono contenuti entro i 250-300 metri e la lunghezza dell'itinerario è compresa nelle 3 - 5 ORE. Si tratta di passeggiate un po' lunghe che richiedono una scarpa sportiva da trekking o lo scarpone.

MEDIO: L'itinerario supera decisamente le tre ore, è più complesso, si svolge su sentiero con qualche salita o discesa impegnativa ma superabile senza il supporto di attrezzatura alpinistica. Il terreno può essere sconnesso o mancare di segnali. I dislivello massimo rimane comunque all'interno dei 300 metri.

MEDIO/IMPEGNATIVO: L'itinerario supera decisamente le tre ore, è complesso per il dislivello che può arrivare ai 500 metri o per la lunghezza di cammino fino a 6 ore, si svolge su sentiero con qualche salita o discesa impegnativa ma superabile senza il supporto di attrezzatura alpinistica. Il terreno può essere sconnesso o mancare di segnali.

IMPEGNATIVO:  Sono itinerari che richiedono lunga esperienza, allenamento e forza fisica da parte di chi li percorre. È necessario sapersi muovere con perizia anche nei terreni pericolosi: ghiaioni, ripidi pendii o tratti scoscesi, macchia fitta, alta e senza riferimenti, passaggi in roccia, assenza di sorgenti. La difficoltà del terreno e la distanza dai punti d'appoggio richiedono una totale autonomia. Ove indicato vi può essere la necessità di portare al seguito materiale da bivacco come la tenda, sacco da bivacco, fornello, viveri, richiede allenamento, energia e forte motivazione.

info_outline

Ti interessa questo evento?

Scopri dove dormire e dove mangiare sull’Altopiano di Asiago Sette Comuni