Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

8 Comuni tutti da scoprire

Asiago Conco Enego Foza
Gallio Lusiana Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni
Trova eventi per categoria, per mese o per giorno

Artemusica Cultura - Spettacolo di primavera, musica e danza

sabato 29/4/2017 alle 21:00
SPETTACOLI
04 29 spettacolo danza

Oboe: Remo Peronato, Coreografi: Simone Baldo, Giovanna Garzotto, Michela Negro e tutti i danzatori

L’Associazione Artemusica Cultura di Roana propone agli appassionati uno spettacolo di musica e danza contemporanea, che si terrà sabato 29 aprile alle ore 21.00 presso la sala consiliare del Municipio di Canove.

Lo spettacolo che verrà presentato da Artemusica Cultura è frutto di una approfondita analisi di alcuni temi che vengono poi sviluppati nel movimento,  e di un lavoro intensivo di studio tecnico e creativo da parte dei danzatori,  in cui il processo di improvvisazione e costruzione è condiviso da tutti i partecipanti.

Lo spettacolo presenterà 4 pezzi diversi, sviluppati nel corso di alcuni laboratori e residenze, da coreografi e danzatori professionisti, e da danzatori che  frequentano  regolarmente questi laboratori di specializzazione e si esibiscono  in performances di danza contemporanea, in una dimensione artistica in cui l'arte della danza si avvicina ad altre forme espressive, e li porta ad abitare luoghi di alternativi al palcoscenico.

L'IMPERCETTIBILE SPAZIO TRA ARRIVO E PARTENZA,  di Simone Baldo e i danzatori:

Frutto di un breve laboratorio dove, partendo da uno spunto personale (foto, brano musicale, video, frase di un libro ecc.) si arriva ad un vocabolario espressivo condiviso per indagare l’inconsistente differenza tra arrivare e partire.

CAN_ONE di e con Michela Negro e Simone Baldo

Canone come regole, ripetizione, o semplice traduzione dall'inglese " può uno?"

RITRATTI COLOR SEPPIA  di Giovanna Garzotto e tutti i danzatori

Una serie di fotogrammi che sembrano provenire dal passato, ma si ricompongono, accompagnati
dal quartetto per archi “Rosamunde” di Schubert, in una molteplicità di immagini pienamente reali.

 

PAN/SYRINX DECONSTRUCTING di e con Giovanna Garzotto e Remo Peronato:

Il lavoro parte dalla nostra curiosità (una danzatrice/coreografa e un musicista) per il tema delle metamorfosi di suono e movimento . La musica di Benjamin Britten( Six Metamorpohses after Ovid ) e il racconto mitologico che ne è alla base sono stati il punto d’appoggio iniziale. Abbiamo costituito la struttura che poi abbiamo iniziato a scardinare, decostruire. La metamorfosi affrontata in P/SD è quella della ninfa Siringa, di cui s’è invaghito il dio Pan. Nella sua fuga Siringa viene trasformata in una canna palustre. Da questa Pan ricava un flauto con il quale suona il suo amore. La costruzione di P/SD ha ricercato una pratica comune , il meno specializzata possibile. L’invenzione di giochi ha consentito di abbassare le difese razionali per assaporare la gioia della fatica e la serietà dell’elemento ludico . Il suo utilizzo nel lavoro finale è servito per sdrammatizzare gli elementi ossessivi e patologici della passione amorosa. L’utilizzo di un looper ha inoltre reso possibile un’integrazione significativa della componente acustica nella pratica fisica. Ripetizione e stratificazione sono divenute modalità essenziali di P/SD. P/SD individua quattro modalità/opposizioni entro le quali si esplica il rapporto amoroso di Pan/Siringa e, in senso lato, di ogni relazione: ricerca cieca e desiderio di stare vicino , fuga silenziosa e repulsione . Ogni modulo della performance è scandito da un campanello (fine/inizio del gioco). Tale modulo ha un’ampiezza (definita dal loop) che può variare di performance in performance. Gli stessi moduli possono essere assemblati secondo un ordine diverso e/o replicati. P/SD raccoglie, nel suo esito performativo, le risultanze dell’indagine sulla metamorfosi di Siringa, ma anche la pratica di questa indagine. La forma, dapprima più narrativa e consequenziale, diviene quindi sempre più stilizzata e simbolica.

 

 

Remo Peronato è un musicista di formazione classica (Diploma di Solista, Lugano CH 1995) con interessi per la Filosofia (Laurea, Padova 2001), il teatro e la danza. Dal 2001 è membro dell’Ensemble Musagète del quale è attualmente il direttore artistico. Per l’EM, oltre alla programmazione concertistica, cura i progetti didattici e i percorsi multidisciplinari.


Simone Baldo istruttore di Qi gong insegnante DanceWell movimento e ricerca per il Parkinson; cofondatore associazione culturale etradanzae20 insegnante nel progetto "I dance the way I feel" per pazienti ed ex malati oncologici. Inizia e prosegue tuttora lo studio della danza contemporanea seguendo i workshop del CSC Bassano del Grappa e con la coreografa Michela Negro.


Giovanna Garzotto , nazionale di ginnastica artistica (1976-79), si forma alla London Contemporary Dance School (1984-87). È co-fondatrice di No limita-c-tions con cui svolge attività performative e didattica. Dal 2011 collabora con CSC Bassano del Grappa (Dance Well e Summer School). Assistente per Biennale Danza Venezia dei coreografi Serussi (2013), Danielsen ( 2014) e Fridman (2015) dal 2017 è docente associate al Balletto di Roma.


Michela Negro: danzatrice, insegnante e coreografa; firma dal '96 le coreografie del gruppo etra di Montecchio Maggiore dove codirige l'associazione culturale etradanzae20. Cofondatrice della rete "nolimitsactions", insegnante Dance Well e del progetto "I dance the way I feel”.

 

Lo spettacolo sarà seguito da un piccolo rinfresco.

 

L’ingresso come sempre è gratuito.

info_outline

Ti interessa questo evento?

Scopri dove dormire e dove mangiare sull’Altopiano di Asiago Sette Comuni