Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

7 Comuni tutti da scoprire

Asiago Enego Foza Gallio
Lusiana Conco Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni
Trova eventi per categoria, per mese o per giorno

ECLISSE PARZIALE DI SOLE del 20 marzo all'Osservatorio Astronomico di Asiago

venerdi 20/3/2015 alle 09:00
OSSERVATORIO ASTRONOMICO

Eclisse parziale di sole altopiano 20 marzo 2015Il prossimo 20 marzo in Italia ci sarà la prossima eclissi solare, un evento molto atteso in quanto per assistere alla successiva sarà necessario attendere il 2026!

Per questa importante occasione l'Osservatorio Astronomico di Asiago in località Pennar, venerdì 20 Marzo alle ore 9.00, permetterà, previa prenotazione, di assistere a questa Eclisse parziale di Sole. La mattinata è dedicata all'osservazione dell'eclisse, delle macchie e delle protuberanze solari all'oculare e con CCD.

Ingresso: €9.00 intero - €7.00 ridotto (ragazzi 8-11 anni). Info e prenotazioni allo IAT di Piazza Carli o premendo il pulsante qui sotto.

Per chi non potrà essere presente all'Osservatorio di Asiago, l'eclissi in Italia sarà visibile tra le 9,30 e le 11,30 circa, con picco massimo intorno alle 10,30. Tramite questa mappa, messa a disposizione dalla NASA, potrete verificare l'ora esatta relativa alla vostra località.

All’Osservatorio di Asiago, la Luna lambirà il disco del Sole alle 9.27; l’eclissi raggiungerà la fase massima verso le 10.35 e terminerà alle 11.47.
Da Asiago osserveremo il Sole a forma di falce e la luce ambientale apprezzabilmente attenuata. Se il cielo sarà particolarmente terso, sarà visibile Venere a occhio nudo (col telescopio riusciremo a osservarlo agevolmente).

Eclissi primo contatto asiago 20 marzo 2015

COME OSSERVARE L'ECLISSI

Se non avete l'occasione di guardare l'Eclissi di Sole dall'Osservatorio ma lo fate dal posto in cui vi trovate, è bene sapere che per osservare direttamente un'eclisse di Sole dovete essere sicuri di usare il filtro giusto.

Anche se un filtro sembra oscurare quasi tutta la luce visibile del Sole, questo non significa che blocchi tutte le radiazioni infrarosse e ultraviolette, che possono essere dannose per l'occhio anche se l'esposizione è molto breve. Un filtro appropriato lascia passare solo lo 0.003 % della luce solare visibile e lo 0.5 % della radiazione infrarossa.: tutti gli altri sono sconsigliati.

GLI OCCHIALI DA SALDATORE

Gli occhiali da saldatore con indice di protezione numero 14 sono il filtro più comune per
l'osservazione ad occhio nudo del Sole, perché trattengono efficacemente tutta la radiazione nociva del Sole.

I FILTRI DI MYLAR

I filtri in Mylar, anch'essi molto comuni, sono composti da due sottili strati di plastica separati da un foglietto di alluminio. Il filtro contenuto nell'alluminio impedisce ai raggi dannosi di penetrare nell'occhio. Vengono proposti spesso nella forma di "occhiali da eclisse", cioè occhiali di cartone, le cui "lenti" sono composte di filtri Mylar.
Sono i filtri protettivi meno cari che permettono di osservare il Sole ad occhio nudo. Anche chi
usa un cannocchiale, un binocolo o un telescopio può usare gli occhiali da eclisse, basta porli davanti, dalla parte dell'obiettivo.

I filtri Mylar si possono acquistare nei negozi di ottica specializzati in astronomia e sono disponibili anche sotto forma di fogli, che possono essere ritagliati nella forma voluta. Chi vuole costruirsi da solo il proprio filtro deve fare attenzione a non forare o graffiare il filtro quando lo ritaglia: un forellino potrebbe lasciar passare abbastanza radiazione da danneggiare l'occhio. Assicurarsi inoltre che il filtro non si stacchi dall'apparecchio ottico al quale è fissato.

Eclisse fase centrale altopiano di asiago 20 marzo 2015

I FILTRI IN VETRO E GELATINA

Esistono anche filtri in vetro o in gelatina che permettono di osservare il Sole senza alcun rischio. Assomigliano ai filtri in Mylar, ma sono di migliore qualità e trasmettono un'immagine più nitida del Sole, senza la tipica colorazione blu dei primi. Anche i filtri in gelatina si possono trovare sotto forma di occhiali da eclisse; anche se sono più costosi di quelli in Mylar, sono da preferire perché di migliore qualità. Vanno usate le stesse precauzioni indicate per i filtri in Mylar, sia per l'uso sotto forma di occhiali che per l'uso abbinato a strumenti ottici.

PROTEZIONI POCO EFFICACI

Protezioni poco efficaci possono seriamente danneggiare l'occhio: evitate occhiali da sole (nemmeno uno sopra l'altro), negativi fotografici sovraesposti, CD e l'interno dei floppy disc, il vetro affumicato, filtri solari per piccoli telescopi.

Riproduzione riservata.
info_outline

Ti interessa questo evento?

Scopri dove dormire e dove mangiare sull’Altopiano di Asiago Sette Comuni