Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

7 Comuni tutti da scoprire

Asiago Enego Foza Gallio
Lusiana Conco Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni

Itinerari escursioni e passeggiate

Itinerario per escursione sul Monte Zebio - Altopiano di Asiago

ESCURSIONI E PASSEGGIATE

Itinerario Monte Zebio

Itinerari per escursioni e passeggiate: Itinerario - Escursione sul Monte Zebio

INTRODUZIONE ALL'ITINERARIO PER IL MONTE ZEBIO

Il Monte Zebio è situato a Nord del centro abitato di Asiago e ricopre un grande interesse storico legato ai tragici eventi della Prima Guerra Mondiale.
Lungo l’intero tratto del percorso proposto, infatti, si possono osservare testimonianze dell’intensa attività umana legata alla costruzione di opere belliche della Grande Guerra.

L’itinerario quindi, oltre ad assumere una notevole rilevanza storica, offre anche interessanti temi di carattere naturalistico, quali le foreste di abete, i pascoli di montagna, le pozze d’alpeggio e la ricca flora e fauna tipica di questi ambienti. 

ITINERARIO: Escursione sul Monte Zebio
 
Indicazioni tecniche
Grado di Difficoltà: medio / facile
Dislivello: 558 metri
Altitudine min: 1.150 m slm
Altitudine Max: 1.708 m slm
Lunghezza: 9 Km (Andata e ritorno)
Tempo di Percorrenza a piedi: 5/6h (andatura turistica)
Mezzi: a piedi

L'escursione è adatta a qualsiasi escursionista in quanto non presenta nessuna difficoltà tecnica; è stato classificato come medio-facile in quanto è presente un tratto di salita nella prima parte del percorso.

 

COME RAGGIUNGERE IL PUNTO DI PARTENZA

Il punto di partenza del percorso è facilmente raggiungibile in auto su strada asfaltata e si trova a breve distanza dal centro di Asiago.
Partendo dal centro si seguono le indicazioni per aeroporto/ contrada Rigoni. Arrivati in contrada Rigoni di Sotto si imbocca la strada che sale verso nord e porta in località Monte Zebio

Giunti in prossimità di Val Giardini si può lasciare l’auto negli spiazzi a bordo strada.

 

IL PERCORSO DI ACCESSO AL MONTE ZEBIO

Da località Val Giardini si imbocca a piedi la strada sterrata che sale lungo la dorsale del Monte Pultareche dove già si può osservare una splendida veduta della conca di Asiago. Mantenendo sempre direzione nord si prosegue lungo la strada che sale attraverso i prati e i pascoli fino a giungere al limite del bosco.

Immergendosi nella foresta di abete rosso, si percepisce immediatamente la differenza di temperatura tipica di questo ambiente; differenza quanto mai gradita nelle calde giornate estive. Il bosco di abeti ci accompagnerà lungo tutto il percorso fino alle pendici di Monte Zebio. Questo tratto, caratterizzato da salite e tratti pianeggianti, si sviluppa su mulattiere, piste forestali e sentieri per una lunghezza di circa 2,5 Km.

IL PUNTO DI ARRIVO: IL MONTE ZEBIO

Dopo aver attraversato  il bosco di abeti si giunge in prossimità di Monte Zebio. In questa zona l’ambiente cambia radicalmente: la foresta infatti lascia il posto ai pascoli di alta quota caratterizzati da una grande varietà di erbe e fiori.

Visitando questi luoghi nel periodo estivo sicuramente si potranno osservare decine di mucche intente a brucare e a rinfrescarsi nelle numerose pozze d’alpeggio. Oltre al mantenimento dell’ambiente naturale, la presenza di Malga Zebio permette di apprezzare la qualità dei prodotti caseari ottenuti con il latte dei pascoli di montagna.

Tutta questa zona è ricca di testimonianze storiche legate alla Prima Guerra MondialeMonte Zebio infatti, grazie alla sua posizione centrale, tra la primavera del 1916 e l’autunno del 1918, divenne un importante caposaldo della linea di resistenza austriaca tra la Val d’Assa e l’Ortigara. Per questo motivo, dopo l’arretramento delle truppe italiane a seguito della Strafexpedition, venne costruito, su questo monte, un gran numero di trincee, gallerie e postazioni in caverna.

Numerosi sono oggi i siti recuperati con la creazione del Museo all’Aperto di Monte Zebio: il Cimitero della Brigata Sassari, terra donata dal Comune di Asiago alla Regione Sardegna; la Mina dello Scalambron, con i suoi cippi in marmo bianco con la dicitura “Zona Sacra” per ricordare al passante che tra quelle rocce ha perso la vita l’intero presidio della Brigata Catania e le numerose trincee e gallerie nella zona di Crocetta di Zebio.

Itinerario escursione sul Monte Zebio

Dopo la visita della vasta zona del museo all’aperto ci si dirige sulla strada del ritorno verso località Bivacco dell’Angelo, dove si imbocca il sentiero che scende lungo la Puntara del Lom. Da lì in breve tempo si raggiungerà la strada che proviene dalla Croce di S. Antonio; la si percorre in discesa e si ritorna così comodamente al punto di partenza in località Val Giardini.

 

Riproduzione riservata. Si declina ogni responsabilità nel caso di danni a persone e cose accaduti percorrendo questo itinerario.