Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

8 Comuni tutti da scoprire

Asiago Conco Enego Foza
Gallio Lusiana Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni

Eventi

Trova eventi per categoria, per mese o per giorno

Presentazione del libro "FABRO" di Francesco Vidotto, Conco, 11 novembre 2016

venerdi 11/11/2016 alle 20:45
LIBRI

Fabro di francesco vidottoVenerdì 11 novembre 2016 nuovo appuntamento con gli incontri culturali organizzati dal Comitato della Biblioteca Comunale di Conco per l'autunno 2016.

In questa occasione, l'autore Francesco Vidotto presenterà il suo libro "Fabro".

L'incontro inizierà alle ore 20.45, presso la Biblioteca Comunale di Conco, sull'Altopiano di Asiago.

FABRO di FRANCESCO VIDOTTO

“Il mio nome è Fabro e di mio padre so solamente che era maniscalco e che non aveva un filo di fantasia.”

Così si apre l’epopea di Fabro, uomo semplice e forte, capace di rialzarsi e ricominciare nonostante i colpi che la vita non risparmia.

Fabro nasce in una stalla ai piedi delle montagne un mattino di novembre del 1925, scaldato dal fieno e dal respiro di quattro mucche, perché “ci sono cose che, se sei povero, non cambiano mai”. La sua infanzia trascorre serena tra i boschi e i picchi delle Dolomiti e alla scuola elementare incontra Rina, una bambina timida con un sorriso che solo lui sa accendere, un sorriso capace di scaldare gli inverni più freddi.
La vita va avanti, dà e toglie, generosa e spietata, finché Fabro scopre la musica.
Se ne stava nascosta in un vecchio armonium, nella chiesa di Tai di Cadore. La melodia che esce vibrando dallo strumento è il respiro del bosco, il vento che accarezza i rami, e lo pervade d’incanto.

Poi arriva la guerra e Fabro deve lasciare casa per andare in bottega a Cibiana, il mitico paese delle chiavi. Qui viene iniziato ai segreti di un mestiere antico e affascinante. La musica però non smette di aspettarlo. C’è un organo nella chiesa del paese che il parroco suona durante la messa. Una sera Fabro si siede sullo sgabello, guarda fuori dalla finestra e inizia a suonare, sono le sue montagne a suggerirgli la melodia, lui solamente le ascolta e le copia…
Sarà la musica a fargli incontrare di nuovo Rina – l’amore, quello vero – e a regalargli il periodo più felice della sua vita, fino a quando, un giorno scuro, quella musica che dall’anima corre fino alle dita e ai tasti bianchi e neri, imitando la vertigine della montagna, rimarrà in trappola.
Ancora una volta sarà l’amore a liberarla e a salvare lui e la sua famiglia.
La vita e le alterne fortune di Fabro, in un mondo arcaico che sopravvive nei ricordi degli avi, raccontate da Francesco Vidotto con voce tenera, ironica e malinconica.