Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

7 Comuni tutti da scoprire

Asiago Enego Foza Gallio
Lusiana Conco Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni

Itinerari escursioni e passeggiate

Itinerario escursione sul Monte Cornone

ESCURSIONI E PASSEGGIATE
Panorama con vista sul fiume Brenta dal monte cornone

Vista panoramica sul Brenta

Itinerario escursione sul Monte Cornone

INTRODUZIONE ALL'ITINERARIO

Foza, come pure tutto l’Altopiano dei Sette Comuni, è stato completamente sconvolto dalla Prima Guerra Mondiale.


Ovunque sono ancora ben evidenti i segni lasciati da oltre quattro anni di combattimenti, compresa la zona del Monte Cornone: seppure semi sconosciuta ai più, ha rivestito, anche come recentemente emerso dopo la nuova pubblicazione di Paolo VolpatoSull’orlo dell’abisso uno dei punti strategicamente importanti del fronte italiano.

Questo imponente corno di roccia che si staglia sulla Valsugana è stato infatti l’ultimo lembo di terra altopianese e italiana su cui il nostro esercito ha dovuto rimanere attaccato con le unghie e con i denti dopo il crollo delle nostre linee avanzate, sia nel novembre-dicembre del 1917 sia nel settembre 1918. L'itinerario proposto conduce l'escursionista alla visita in sicurezza  di uno dei luoghi più “arditi” e significativi dei campi di battaglia.


Il percorso è ideale per chi desidera abbinare un percorso di elevato valore storico, senza tralasciare le molte bellezze naturalistiche e geologiche presenti nella zona. L'escursione è considerata facile, percorribile a piedi e a parte un piccolissimo tratto di salita tra il monte Cornone ed il Sasso Rosso, dove si consiglia di scendere, anche in bici.

ITINERARIO: Monte Cornone
Indicazioni tecniche
Grado di difficoltà: facile
Dislivello:  84 m
Altitudine-min: 999 m slm
Altitudine-max: 1.083 m slm
Lunghezza: 8 km (andata e ritorno)
Tempo di percorrenza a piedi: 4 ore
Mezzi: a piedi - in bici


COME RAGGIUNGERE IL PUNTO DI PARTENZA DEL PERCORSO

Il punto di partenza del sentiero è situato in corrispondenza del centro del Comune di Foza a quota 1083 m. nei pressi del centro del paese dove è possibile parcheggiare, non a pagamento, e la presenza di numerosi bar e di un negozio di alimentari danno la possibilità di rifornirsi di tutti i generi di conforto necessari per l’escursione giornaliera. Per chi accede all'Altopiano arrivando dall'Autostrada Valdastico (uscita Piovene-Rocchette), seguendo le indicazioni per Asiago, attraverso la SS 349 "Statale del Costo". Arrivati ad Asiago si prosegue per Gallio e poi per Foza. Chi giunge da Asiago deve invece seguire le indicazioni per Gallio, Foza. Una quindicina di chilometri dopo aver superato l'abitato di Asiago, si giungera a Foza.

Segnaletica indicazioni a quota 1065 metri

Segnaletica percorso quota 1065 m

IL PERCORSO DI ACCESSO AL MONTE CORNONE

Si parte dal centro di Foza (Vusche : antico toponimo cimbro) nei pressi del palazzo municipale. Prima della partenza è auspicabile una visita all’adiacente Museo di Foza. Nel nuovo museo sono presenti oltre alla sezione dedicata alla pecora Foza, anche una sezione dedicata alla Grande Guerra. Al primo piano è stata realizzata una esposizione interattiva nella quale si può avere una visione d’insieme di tutti i campi di battaglia e meglio comprendere l’importanza della zona che si sta per visitare.

Si percorre la prima parte di via Turba, strada dedicata al Generale Euclide Turba morto sul Castelgomberto, nel comprensorio delle Melette di Foza. Arrivati in zona “Capitello” nei pressi del monumento all’Alpino, opera interamente realizzata con schegge di granata risalenti al primo conflitto mondiale, si prende a sinistra imboccando lo Staich; antico sentiero già nominato in atti notarili del 1531; che ci condurrà in Valvecchia, da quì si risale verso la contrada Ori-Biasia, superato il piccolo gruppetto di case che la compone, si prende il sentierino che in pochi minuti ci porterà al Monte Cornone.

Percorso su rocca nella zona italiana durante la Guerra

Percorso zona italiana

IL PUNTO D'ARRIVO: IL MONTE CORNONE

Dopo circa un’ora di percorso, in parte ombreggiato, si arriva  nei pressi dello sperone di roccia che domina verso sud la Valsugana.  Qui una lapide sotto una croce ricorda gli immani sforzi fatti dalle truppe italiane per resistere agli assalti austroungarici. Scesi appena sotto a tale zona si può ammirare il fiume Brenta e sullo sfondo la pianura bassanese.

Una volta ammirato il suggestivo panorama si può rientrare al punto di partenza ripercorrendo a ritroso il sentiero dell’andata; oppure dopo un centinaio di metri, al bivio con il sentiero cai n° 781 tenere la destra e seguire per Sasso Rosso, dall’omonima malga prendere la strada in direzione nord fino a contrada Carpanedi e da quì a sinistra per il sentiero cai n° 800 che ci riporterà alla Piazza del paese. Itinerario leggermente più lungo di quello dell’andata, ma che ci permetterà di scoprire altri angoli nascosti del paese.

FOTO GALLERY DELL'ITINERARIO PER IL MONTE CORNONE

Riproduzione riservata. Si declina ogni responsabilità nel caso di danni a persone e cose accaduti percorrendo questo itinerario.