Benvenuti sull'Altopiano di Asiago 7 Comuni

8 Comuni tutti da scoprire

Asiago Conco Enego Foza
Gallio Lusiana Roana Rotzo

Se vi piace l'Altopiano di Asiago cliccate su

l'Altopiano di Asiago 7 Comuni

Percorsi Mountain Bike MTB

Itinerario MTB Giro delle Malghe: Asiago, Boscon, Val Magnaboschi, Monte Paù

MOUNTAIN BIKE
Giro delle Malghe - Bivio nei Pressi della Pozza del Favaro

Bivio nei Pressi della Pozza del Favaro

Itinerario Per Mountain Bike (MTB) Giro delle Malghe: Asiago, Boscon, Val Magnaboschi, Monte Paù, Monte Corno

Itinerario panoramico di media lunghezza per Mountain Bike (MTB), permette di ammirare la pianura dall’alto lungo la strada delle malghe. Presenta qualche piccolo tratto impegnativo sia su sterrato verso Bocchetta Paù che su asfalto in prossimità dello scollinamento che si affaccia sulla pianura. In questo itinerario si possono visitare tre dei cinque cimiteri militari inglesi presenti sull'Altopiano.

ITINERARIO (MTB): Giro delle Malghe: Asiago, Boscon, Val Magnaboschi, Monte Paù, Monte Corno
Indicazioni tecniche
Lunghezza: 36 Km
Dislivello: 620 mt.
Quota Massima: 1370 mt
Difficoltà: MEDIA
Tempo di percorrenza: 3,5 ore

COME RAGGIUNGERE IL PUNTO DI PARTENZA

Punto di partenza è lo Stadio del Ghiaccio di Asiago, posto strategico dove arrivare in auto e parcheggiare senza problemi. Partiti dal parcheggio si passa dietro alla vecchia stazione ferroviaria di Asiago e si inizia a percorrere la strada del trenino fiancheggiando l’area camper all'entrata del paese.

DESCRIZIONE DELL'ITINERARIO

La strada si sviluppa inizialmente su una sorta di terrapieno, passa per il Consorzio dei Caseifici e continua poi in direzione Canove. Lungo questa parte del tragitto si alternano tratti in trincea e tratti aperti da cui è possibile ammirare l’Altopiano e molti dei suoi centri abitati.

Durante la stagione estiva il verde dei prati è predominante mentre nel periodo autunnale il verde si mescola con i colori dell’autunno formando un paesaggio molto suggestivo. Il percorso per Mountain Bike (MTB) continua fino a giungere a Canove, frazione del Comune di Roana, dove, per chi vuole fare una sosta, è possibile visitare lungo la strada il museo della Grande Guerra.

Rifugio consigliato: Rifugio Bar Alpino 
Rifugio Bar 

Alpino a Caltrano

Il Rifugio Bar Alpino si trova in località Pozza del Favaro a soli 400 metri dal nostro percorso ed è una tappa ideale per una sosta rilassante. Sorge in un luogo incontaminato ed immerso in uno splendido panorama, dove è possibile soggiornare o anche solo fermarsi al bar a riposarsi ed assaggiare le specialità locali, formaggi di malga e panini imbottiti seduti ad un tavolo della confortevole terrazza panoramica. I ragazzi del Rifugio Alpino sapranno certamente mettervi a vostro agio con la loro gentilezza e simpatia

In collaborazione con la Cooperativa Biosphaera, il Rifugio Bar Alpino organizza escursioni e passeggiate nel periodo estivo e ciaspolate sulla neve nel periodo invernale. Il tutto, accompagnato da pranzi e cene esclusive dal sapore di montagna.


Da Canove la strada prosegue in discesa e si raccomanda di prestare attenzione nell’incrociare le strade che portano verso le zone residenziali in quanto aperte al traffico motorizzato. Terminata la discesa, la strada inizia a salire dolcemente entrando nel bosco. Appena iniziata la salita occorre fare attenzione sulla sinistra ad una stradina che collega ad una strada che sale verso il baito Boscon passando per il cimitero militare inglese.All’interno del museo sono  conservati oltre 5000 documenti e reperti che testimoniano come, in questi luoghi, si siano vissuti quei lontani anni.
Fuori dal Museo è possibile ammirare un’esemplare del tutto simile alla “Vaca Mora” ossia il treno a cremagliera che, fino al 1955, percorreva il tragitto dalla pianura ad Asiago.

Quello del Boscon è uno dei 5 cimiteri inglesi dell’Altopiano assieme a quelli di Magnaboschi, Cavalletto, Granezza e Barenthal. Questi cimiteri inglesi rispetto ad altri sono accomunati dal fatto che anziché croci o colonne a segnare il posto di sepoltura, hanno delle lapidi in marmo bianco disposte in maniera ordinata su un prato verde con erba molto curata.
Nel cimitero del Boscon giacciono 146 militari inglesi caduti durante la Prima Guerra Mondiale.

Continuando l’itinerario si giunge all’incrocio in corrispondenza del baito Boscon dove si intersecano 5 strade. Qui è possibile scendere dalla Mountain Bike (MTB) e fare una sosta oppure trovare riparo nel baito in caso di maltempo.
All’incrocio si prende la seconda strada a destra che porta in salita verso lo scalin del monte Lèmerle.
Dopo circa 1,7km si incrocia la strada che sale dalla Val Magnaboschi, si tiene la sinistra e si continua a pedalare in salita prestando attenzione al fondo a tratti sconnesso. La salita termina dopo circa 2Km quando, attraversato uno scollinamento, si giunge al confine tra il comune di Roana e Caltrano segnalato da un muro. Questa zona è denominata Pozza del Favaro.

La visuale si apre e dal bosco si passa ai prati che nel periodo estivo diventano zona di pascolo al servizio delle malghe della zona. Proseguendo verso destra, la strada diventa pianeggiante e asfaltata.
Note: Per chi desidera andare a mangiare o bere qualcosa, girando a sinistra allo scollinamento, è possibile fare una tappa al Rifugio Bar Alpino che dista 400mt dal bivio. Anche questo può essere un valido posto per ripararsi in caso di maltempo improvviso.

Giro delle Malghe - Discesa in Località Poslen

Discesa in Località Poslen

Ritornati sul percorso dell’itinerario MTB, si prosegue in piano attraversando i prati ed i pascoli di Malga Carriola e Carrioletta tralasciando le strade laterali che si incontrano fino ad arrivare a Bocchetta Paù. Dalla bocchetta è possibile godere di un primo assaggio  del panorama verso la pianura con i monti Summano e Novegno di fronte a noi.
Dopo la piccola digressione a bocchetta Paù si riprende l’asfalto in salita e dopo circa 1,5 km con alcuni strappi pronunciati si arriva all’inizio del tratto più panoramico del percorso ossia la strada che attraversa le malghe affacciate sulla pianura. Nelle giornate più terse, da questa posizione, si possono vedere sia il mare che gli appennini.

Durante questo itinerario, lungo circa 8km, si passa nei pressi di alcune malghe tra le quali, nell’ordine, malga Sunio, malga Foraoro, malga Serona, malga Fondi, malga Mazze, fino ad arrivare nella zona del monte Corno con il suo omonimo rifugio. Sul Monte Corno sorge un monumento in onore ai caduti. Dinverno la zona è sede di un comprensorio di piste dedicate allo sci nordico. Arrivati a questo punto, inizia la discesa in asfalto verso Asiago passando per il Rifugio Granezza. Qui troviamo sulla destra il cimitero Inglese del Cavalletto.

Giro delle Malghe - Monte Corno

Monte Corno

Passato il rifugio la strada ritorna sterrata. In questo tratto si raccomanda di moderare la velocità della Mountain Bike (MTB) perché si rischia di incontrare auto o pedoni che possono creare situazioni di pericolo. Si continua quindi la discesa passando per il baito Pria dall’acqua.

Dopo il baito sulla destra troviamo il terzo ed ultimo cimitero inglese dell’itinerario, quello del Barenthal con il suo stile inglese. Dopo 1 Km dal cimitero si tiene la sinistra per un leggero strappo in salita verso la chiesa di S.Sisto. Prestare attenzione, 200 mt. dopo la chiesetta di S. Sisto, a tenere la sinistra tralasciando due laterali e poi girare a destra entrando in un tratto abbastanza sconnesso in mezzo al bosco.

Al termine di questo tratto si gira a destra e si scende a destra per una strada che si incrocia dirigendosi verso località Poslen. Da qui lo sterrato termina e preso l’asfalto si raggiunge Asiago lungo la strada che passa davanti al Caseificio Pennar-San Rocco.

In collaborazione con Altopianobike

MAPPA PERCORSO

FOTO GALLERY DELL'ITINERARIO GIRO DELLE MALGHE: ASIAGO, BOSCON, VAL MAGNABOSCHI, MONTE PAÙ, MONTE CORNO